La mitica fioreria di Mulberry

Un tempo uggioso gravava su Londra. Era un sabato grigio, malinconico e una sorta di malessere sembrava attanagliare Bond Street dalle prime e fioche luci del mattino. Esisteva però un luogo, o meglio un negozio, nel quale alla masnada di odori e rumori tipici della chiassosa città non era concesso entrare. Un piccolo paradiso terrestre interamente ospitato da un ginepraio di profumi, sensazioni, ricordi: la fioreria Mulberry. Miss Pym viveva nel suo negozietto dalle ampie e cristalline vetrate, si occupava scrupolosamente delle composizioni floreali e della disposizione dei numerosi vasi grondanti di petali. La si poteva osservare a qualsiasi ora della giornata, nell’atto di raccogliere fiori e portarseli al grembo come fossero dei pargoletti, per poi parlare con loro e riporli nell’apposita brocca. Ecco che arriva il primo cliente della giornata, e prontamente Miss Pym si dirige ad aprire la scricchiolante porticina. “Buongiorno e benvenuta. Sono così contenta di rivederla, ne è passato di tempo!” “O carissima Pym, sono corsa qui da lei perché so con certezza che lei sia la sola al mondo che possa aiutarmi a risolvere questo problema: questa sera ci sarà una festa di beneficenza a casa mia e devo ancora pensare a tutte le decorazioni floreali. Mi aiuti lei: prendiamo qualcosa di bello e leviamoci questo pensiero.” Sboccia tra le labbra della dolce signora un sorriso quasi materno e, subitamente, risponde: «Mia cara, un fiore è molto più di un semplice soprammobile. Non lo si può scegliere a casaccio, come il regalo per una persona di cui poco ci importa: il fiore è un colore, un profumo e soprattutto un messaggio. Il fiore sa dire ed esprimere segreti, sussurri ed emozioni impossibili da proferire con la bocca umana. Il fiore ha un suo significato, sempre. Vieni qui tesoro mio, vedrai che troveremo una soluzione giusta.» Mentre la giovane segue il suo mentore tra i vasi ricolmi di bellezze floreali, la mano rugosa e delicata dell’anziana si rivolge verso il soffitto, indicandone un punto a casaccio con l’indice: «Vedi? Tutto ha un suo perché, bisogna solo capire se lo si voglia comprendere. Guarda questo soffitto ricoperto di alloro: non è un caso che io abbia deciso di metterlo in mostra lassù, in alto! Il mito narra che la bellissima Dafne sia stata il primo amore di Febo: quest’ultimo, colpito dalla freccia dell’iracondo Cupido, si innamora perdutamente della figlia di Peneo, la quale però fugge da lui. Mentre sta correndo, il leggero venticello acuisce la sua bellezza, la sua figura diventa un sogno per il bramoso Apollo ed una condanna per la vergine, che pur di non concedersi chiede di mutare forma, e viene così trasformata in un albero di alloro.” “Non mi piace questa storia, non voglio comunicare niente di simile, perché la bellezza dovrebbe divenire una condanna?” Sorridendo risponde la saggia Pym: ”Ma lei non è stata condannata, era una bellezza troppo pura per potere essere stretta dalle mani di qualcuno. Ecco perché l’ho messo in alto, affinché sia inarrivabile per colui che apprezza solo la bellezza esteriore senza scoprire la sua meraviglia interiore. Questo è anche uno dei motivi per cui ti sconsiglio un narciso come fiore. Il gambo invece che rimanere bello e diritto tende a ritorcersi su se stesso, come il bel fanciullo riccioluto da cui prende il nome.” “Ah in questa città ne conosco fin troppi di narcisisti, e questa sera saranno tutti presenti nella mia dimora quindi eviterei di ritrovarmeli pure nei vasi!” sbuffa la giovane, che già inizia a sbirciare in altri recipienti. Miss Pym mostra allora un lato del negozio ricco di altre sorprese:“ Le posso ancora consigliare queste splendide magnolie: sin dalle loro origini preistoriche, questi fiori sono latori di un messaggio di dignità e perseveranza. Ma forse lei preferirebbe la dalia, un fiore elegante e molto scenografico per via dei suoi vari cromatismi, che permettono un gioco di colori ricco di fascino. Ma non mi sembra essere molto persuasa da questo fiore.” La giovane sospira con occhi sognanti e alzando involontariamente la voce esclama: “Mi guardo intorno e vedo questo quadro vivente di bellezza, di natura e mi sento trasportata ad annusare tutti questi colori profumati e mi sembra di provare sentimenti veri e autentici come l’amore tra Filemone e Bauci, la tristezza di Cerere e l’ira di
Giunone per le nefandezze del marito. Mi sento in empatia con tutto questo nuovo mondo che riesce ad essere rinchiuso in una piccola fioreria. Vorrei portarmi questa euforia, questa leggerezza e armonia anche fuori di qui, nel Chaos di tutti i giorni.” “Sei proprio uguale a tua madre. Sai cosa prese, dopo che le ebbi mostrato tutti i differenti tipi di fiori? Dopo averle fatto odorare i garofani, gli iris e i profumi liziosi dei lillà? Affondò la sua mano in una brocca di piselli odorosi e ne estrasse a grandissime quantità. Poi tutta contenta se ne andò via con aria dignitosa, neanche avesse visto la Regina in quella macchina che si era parcheggiata in Bond Street, facendo tutto quel rumore. Ecco, sicuramente non era stata lei a scegliere, ma un suo ricordo. Forse sua nonna era solita profumare gli ambienti di casa immergendo i piselli profumati nell’acqua, in un vaso cristallino. Non le pare anche questa una bella storia?” “Mi dia manciate di piselli profumati dunque, perché anche mia mamma sarà dei nostri questa sera!” Uscendo dal negozietto, la fanciulla si volge a Pym e questa, non nascondendo la lucidità dei suoi occhi aggrinziti ma comunque vispi, la saluta: “È proprio uguale a sua madre! Ci vediamo presto, Mrs Dalloway!”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: