Grandi Storielle si presenta

Scriveremo delle GRANDI, per il loro insegnamento, STORIELLE, per la loro piccola dimensione.

Benvenute e benvenuti!

Ci presentiamo subito: siamo Carola, Celia, Hannah, Livia e Morena, cinque ragazze che hanno deciso di mettere a disposizione la loro piccola ma grande arte per tutti: dagli assidui lettori, a coloro a cui basta leggere ogni tanto; dal bambino che vuole imparare i valori oltre alle discipline, agli studenti; dai sognatori, ai genitori; dai buongustai, ai nonni che vogliono godersi una piccola lettura. Se c’è una cosa che la scrittura, la traduzione e il disegno non conoscono è il confine: l’arte è da sempre sconfinata. Addentratevi quindi in questo microcosmo senza confini e fatene, anche un po’, casa vostra.

Mama Afrika

Die Mutter sitzt auf einem wackeligen Stuhl. Ihre Hände sind auf den Knien gefaltet. Das Gesicht sieht müde aus, die Falten um ihren Mund sind leicht ausgeprägt und laufen am Kinn entlang, so als ob sie von der Schwerkraft nach unten gezogen würden. Das Gewicht ist etwas, das man spürt. Das Gewicht eines Rückens, derContinua a leggere “Mama Afrika”

Mamã África

A mãe está sentada numa cadeira trémula. As suas mãos estão cruzadas sobre o seu colo. O rosto está cansado, as rugas à volta da boca são ligeiramente pronunciadas e correm pelo queixo como se estivessem esmagadas pela gravidade. O peso é algo que se pode sentir. O peso de um dorso habituado a arquear-seContinua a leggere “Mamã África”

Mama Africa

The mother is sitting on a wobbly chair. Her hands are crossed in her lap. Her face is tired, the wrinkles around her mouth are slightly pronounced and run down the chin as if crushed by gravity. The weight is something you can feel. The weight of a back used to arching too many timesContinua a leggere “Mama Africa”

Mamá África

La madre está sentada en una silla tambaleante. Las manos están cruzadas en el vientre. La cara está cansada, las arrugas alrededor de la boca son ligeramente pronunciadas y descienden por la barbilla como aplastadas por la gravedad. El peso es algo que se siente. El peso de una espalda acostumbrada a arquearse demasiadas vecesContinua a leggere “Mamá África”

Maman l’Afrique

La mère est assise sur une chaise bancale. Ses mains sont croisées sur ses genoux. Le visage a l’air fatigué, les rides autour de la bouche sont légèrement prononcées et descendent le long du menton comme si elles étaient écrasées par la gravité. Le poids est une chose qu’on ressent. Le poids d’un dos quiContinua a leggere “Maman l’Afrique”

Mamma Africa

La mamma è seduta su una sedia traballante. Le mani sono incrociate nel grembo. Il viso è stanco, le rughe intorno alla bocca sono leggermente pronunciate e scendono lungo il mento come schiacciate dalla gravità. Il peso è qualcosa che si sente. Il peso di una schiena abituata ad inarcarsi troppe volte e troppo spesso:Continua a leggere “Mamma Africa”

La grande storiella della prima settimana a Korogocho

GIORNO 1 Aprire gli occhi sullo slum di Lucky Summer, appena arrivato in Africa, è come dare un primo sguardo ad un’opera contemporanea. Sei sospettoso e quasi indispettito. Sei fiducioso eppure critico. Sei nervoso perché sei diverso, perché, a quel primo sguardo, sai di non aver capito nulla. Io so benissimo che sto per direContinua a leggere “La grande storiella della prima settimana a Korogocho”

A matéria favorita

«Bom dia, nome?» «Bom dia, chamo-me Marco Vivaldi». «Idade?» «Dezoito». «Em que matéria é bom?» «Matemática». «Nota?» «Vinte». «Muito bem, aqui está esta revista, dois panfletos e algumas brochuras para si. Encontrará aqui tudo o que precisa». Marco afasta-se do balcão. Atrás dele, dezenas de pessoas aguardavam na fila pela sua vez. Alguns estavam aContinua a leggere “A matéria favorita”

The favorite subject

“Good morning, your name please?” “Good morning, my name is Marco Vivaldi” “How old are you? “I am eighteen years old” “What subject are you good at?” “Maths” “Grade?” “A” “Very well, here’s one magazine, two flyers and a few brochures for you. You will find everything you need here.” Marco goes away. Behind him,Continua a leggere “The favorite subject”

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.


Segui il mio blog

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: